martedì 11 marzo 2008

Il Giappone parla sempre più italiano


Lo rivela un’indagine, la prima di questo genere nel Paese asiatico, sulla diffusione della lingua italiana nelle aree metropolitane di Tokyo e Nagoya: i risultati sono a dir poco sorprendenti.
Sono migliaia gli studenti che in Giappone si accostano alla lingua italiana. A rivelarlo è un’indagine, la prima di questo genere nel Paese asiatico, sulla diffusione dell’italiano in Giappone commissionata dall’Ambasciatore d’Italia, Mario Bova, al prof. Fabrizio Grasselli, rappresentante della Società Dante Alighieri in Giappone.
La ricerca, condotta tra la metà del mese di novembre e i primi giorni di dicembre dello scorso anno e relativa alle aree metropolitane di Tokyo e Nagoya, riporta numeri significativi in merito all’interesse degli studenti giapponesi nei confronti del nostro idioma: a livello scolastico sono 5.000 a Tokyo e circa 800 a Nagoya; a livello universitario sono 4.800 negli Open College, ai quali vanno aggiunti i circa 2.000 delle restanti università che offrono corsi di italiano.
Negli ultimi anni si è registrata una forte richiesta anche tra i bambini: nell’area metropolitana di Tokyo sono circa 200 gli alunni di età compresa tra i 3 e i 15 anni che hanno espresso il desiderio di accostarsi alla lingua italiana.
L’interesse crescente del Giappone verso il nostro idioma si nota, oltre che dal punto di vista didattico, anche da quello più semplicemente legato alla quotidianità giapponese: basta trascorrere qualche giorno nel Paese nipponico per notare la presenza di nomi e diciture in italiano, dai ristoranti ai quartieri commerciali, dai prodotti più vari alle riviste. I casi più eclatanti di questa tendenza sono costituiti dalla ricostruzione di una strada italiana a Venus Fort a Odaiba, sulla baia di Tokyo, la nascita di un quartiere italiano a Shiodome e la ristrutturazione di un quartiere veneziano a Nagoya, detto “Italia Mura”.
Una diffusione, quella della nostra lingua, incoraggiata da Istituzioni e scuole giapponesi quale veicolo fondamentale in ambito commerciale e professionale: negli ultimi 15 anni è notevolmente aumentato il numero di studenti giapponesi che frequentano corsi di italiano e che si recano in Italia per studiarlo.

Fonte: www.ladante.it

13 commenti:

Kyoko ha detto...

LOL Italia Mura
Approfittiamo del momento propizio, tutti in Giappone a insegnare italiano (almeno chi lo sa parlare XD)!

Mikan ha detto...

sisi andiamo a insegnare tutti insiemeeee XD

Ichigo ha detto...

LOL Ioli! XDDD
Comunque concordo... andiamo ad insegnare insieme in Nihon!!! XD
Seriamente... io ci sto pensando! ^^

Step ha detto...

Ioli l'unica cosa che potresti insegnare in Jap è il PESSIMISMO COSMICO................nel senso che sei Pessima Like No 1
AHHAHAHAHHAHAHHAHAHHHAHAHAHAHHAAH
Tornando un attimo al discorso del post............mettono nomi italiani anche non sapendone il significato.........il caso + eclatante è l'esistenza di un appartamento costruito a Tokyo che si chiama FIGA..........O_O
No comment veramente............................
Ioli ha in mente di progettarne alcuni dopo la laurea..........saranno stile DICK DESIGN
AHAHHAHAHHAHAHHAHAHAHHAHAHAHHAAHAH
Direi che può bastare........hum3

Ichigo ha detto...

Step... sei il solito deficit pessimo!!!! XDDDD
Comunque è vero... come si può usare delle parole senza conoscerne il significato?! O.o Mah! E' per questo che noi dobbiamo andare lì ad insegnare la nostra lingua! XDDD

Step ha detto...

Tu è meglio che non ci vai......le motivazioni che ti spingono lì sono ALTRE hum3
Cmq..........per utilizzare la parola DEFICIT devi pagarmi i diritti cara,qlla è di mia proprietà........inventane un'altra e usala.....tipo,al posto di "deficit" potresti usarne una di pari significato.........come BRA84.........
AHAHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAH
AHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAH
.....odddio ho le lacrime.............ok mi ricompongo hum3

Ichigo ha detto...

Ma quali ALTRE??!!! Guarda che si è chiusa un'era!!! XDDD
Comunque la parola deficit la uso quanto voglio... e se proprio devo trovarne una di pari significato c'è sempre RANMA-KUN!!! XDDDD
Mo le lacrime te le faccio venire io... sta attento!!! XD

francy ha detto...

Sono d'accordo: sarebbe il momento giusto per levare le tende e andare a Tokyo a insegnare!

Ichigo ha detto...

Sì sì... io ormai sto con la valigia pronta!!! ^_^

Kyoko ha detto...

Ma non vi si può lasciare soli oh O_O
Come i ragazzini! XDDD

Ichigo ha detto...

Scusa mamma Ioli! XDDD
Basta... fatemi tornare ad essere seria!!! XD

ValeriucciaKaneshiroIIdaTokyo ha detto...

Ciao!^^Sto continuando a segure il tuo blog e anch'io avevo letto questa notizia.Stavo pensando che sarebbe bello che anche gli italiani si avviciniassero di più ai giapponesi!
Sarebbe una buona cosa.
Ora ti saluto,ciao!^^

Ichigo ha detto...

Ciao!!! Grazie per il tuo commento!!! ^^
Sì... effettivamente arebbe bello se anche gli italiani si avvicinassero di più alla cultura giapponese... da una parte penso che avremo tanto da imparare da loro! ^__^